Quando la terra trema, un lampadario oscilla sempre. “Istanbul” di Carolina Iacucci

Una città semi distrutta, una famiglia tradizionale, ma piena di segreti. Il precario equilibrio tra mistero e quotidianità avvolge l’opera di Carolina Iacucci, il progetto vincitore della seconda edizione del premio “Bepo Maffioli”,, andatp in scena durante la prima serata di GEA 2023.

Una città costiera della Turchia devastata da un terremoto incessante. Poche sono le persone rimaste, tra queste i componenti di una famiglia costretta a rimanere a causa di un padre cocciuto e in precarie condizioni di salute. Preferisce morirci in quella casa pur di attendere il ritorno della donna amata che l’ha lasciato molti anni prima per riprendere in mano la sua vita e la sua passione per il teatro. Così i suoi due figli maschi, insieme alla moglie del più giovane, resistono e convivono in un equilibrio precario. Confronti, scontri, ansie e paure, frammentate solo dalla terra che trema e dal lampadario del soffitto che oscilla, mettono a dura prova quelle personalità tanto diverse quanto unite da un unica situazione ambientale, che tentano di vivere la loro quotidianità, dettata dalla forte appartenenza alle tradizioni e alla cultura del proprio territorio. All’improvviso l’arrivo di un’altra donna, apparentemente comparsa dal nulla, farà riemergere antiche inquietudini e tormenti, portando i protagonisti a rivelare sensi di colpa nascosti nell’anima. Ma proprio nel momento in cui fuggire a Istanbul risulta l’unica soluzione, ecco scomparire il padre e riapparire quella donna tanto attesa. Con lei riaffiorano memorie e si svelano segreti passati che mai verranno risolti.

Regia: Davide Strava / Mete e didascalie: Angelo Callegarin / Visualizer: Elisa Canaglia / Tenica: Francesca Merli / produzione: Teatro Stabile del Veneto e Comitato Teatro Treviso

Il ruolo dei protagonisti nel copione di Carolina Iacucci, funge da perno a tutta la storia. I personaggi e il loro filo conduttore: l’amore. Quello figliare e quello di coppia. Tre donne e tre uomini, tre livelli di consapevolezza e coscienza, come il risultato di una stratificazione generazionale. Da un lato il padre e i due figli: il primo (Giacomo Martini) è rigido, fermo nelle decisioni, vive l’amore come in una sua personale e quasi metafisica sfera platonica. I due figli e fratelli, così in contrasto tra loro: Imran (Ruggero Franceschini), la pecora bianca e Hakim (Alex Cendron) quella nera della famiglia, non riescono a scappare, devoti e timorosi dello stesso padre che li costringe a rimanere. Essi vivono l’amore presente e il rimpianto di quello passato in un continuo accavallarsi di difficoltà.

Da un lato le donne: entrano in scena gradualmente, in corrispondenza al livello evolutivo della vicenda, tre figure di età e livello culturale fortemente in contrasto, ad incarnare differenti modelli di emancipazione femminile presenti tutt’oggi in Turchia e in tutti i territori di credo musulmano. Ikbal (Samantha Silvestri) è moglie di Imran, donna di fede e di casa, le cui maggiori preoccupazioni sono i figli, fatti scappare dalla città distrutta per rimanere accanto al marito devoto. Come uno spirito tra le macerie, vestita solamente di una sottoveste e una giacca, compare all’improvviso Emel (Miriam Russo), una figura solitaria proveniente da Istanbul, aggraziata seppur quasi arrogante nel suo fare; fuma sigarette e beve alcolici, elemento poco comune per le donne delle località lontane dalla capitale cosmopolita. Si insinua quasi senza far nulla nella situazione famigliare dei protagonisti, venendo accolta in casa da Ikbal.

La sala da pranzo rappresenta per tutti i paesi un luogo di confronto e ritrovo in cui si scambiano opinioni e si racconta la propria storia, che sia di una vita o di un solo giorno, che sia durante una giornata di sole o in una città devastata dal terremoto. Ecco che Caterina Iacucci racchiude in questo istante universale tutto un mondo fatto di tradizioni, attualità e di tutto ciò che rende forte e coraggioso ogni personaggio della sua coinvolgente storia: le emozioni, i legami, le relazioni tra di essi. Riemergono così tutti i dispiaceri del passato, i misteri irrisolti e nuove consapevolezze. Hakim ritrova l’amore, Imran il coraggio. E il vecchio padre?. Sempre solo, assorto nei suoi pensieri, tace e attende il ritorno della sua amata.

Ma ecco la terza donna, Galya (Irene Curto). Appare quasi, inaspettata da tutti e in seguito alla sparizione improvvisa del vecchio padre. Torna, o forse si presenta come un fulmine a ciel sereno, in un momento di tensione e tormento, arrivando a confermare e smentire voci e storie narrate da una vita, mettendo a repentaglio emozioni e affetti. Il suo arrivo, come un terremoto nell’anima, è l’ultimo atto di un racconto che rimarrà sospeso, fragile come le mura di quella casa che ormai non regge più. Nessuna sicurezza, nessun buon auspicio su quella famiglia che nemmeno un lampadario che oscilla sempre potrà più illuminare.

SEGUITE IL GIOIOSAETAMOROSA FESTIVAL 2023 NEI SUOI PROSSIMI APPUNTAMENTI! IL PROGRAMMA LO TROVATE QUI’

“Lei non ha paura del terremoto?”.

“Certo”.

“E come fa ad essere così serena?”.

“Sopporto”.

da “Istanbul” di Carolina Iacucci

Condividi l'articolo:

Vuoi essere tra i primi a ricevere i prossimi articoli?

Compila il modulo per iscriverti alla newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mostre

“Il quinto elemento”, la terra è molto più di un semplice pianeta

L’evento multisensoriale dedicato agli elementi naturali trova nella location del Forte Gazzera di Venezia Mestre il suo contesto ideale, dove le arti si incontrano per trovare il quinto elemento. In uno spazio ricco di storia e natura, il pianeta e i suoi elementi trovano l’espressione massima attraverso l’arte visiva e la musica. Fotografia, pittura e

Leggi tutto »
ARTI VISIVE

Tobia Ravà. Come i numeri e le parole diventano “frammenti di luce”.

L’artista padovano di origini veneziane Tobia Ravà espone le sue opere presso il centro culturale De André a Marcon (VE) e trasforma la realtà in una dimensione surreale. Matematica, filosofia e sacralità trovano nell’arte di Tobia Ravà una nuova dimensione sconvolgente. Il grande artista “dei numeri”, dopo oltre quarant’anni di mostre internazionali e premi, porta

Leggi tutto »
I NOSTRI SOCI

I NOSTRI SOCI – Fotografia & Arti Visive

I soci dell’associazione “L’operale” si presentano, mettendo in mostra le loro opere ad espressione dell’amore per l’arte totale che li contraddistingue. Noi #facciamounoperale ELENCO SOCI F&AV 2024-2025 (in ordine alfabetico) ALBANESE NICOLETTA – BRESIN LUCA – CHINELLATO MATTEO – MAJER MARGHERITA – MARTINI PAOLO – NORDIO ROBERTO – VONGOLA ALISA BRESIN LUCA – fotografia Sono

Leggi tutto »
L'OPERALE - ASSOCIAZIONE DELL'ARTE TOTALE

CHI SIAMO e perché #FACCIAMOUNOPERALE? Scopriamolo insieme!.

Prende il via la campagna associativa per l’anno 2024 de “L’operale – opera d’arte totale” che vuole promuovere e dar spazio agli artisti di qualunque stile, espressione artistica o formazione, insieme per riconoscere il talento e la creatività. #FACCIAMOUNOPERALE ISCRIVITI E UNISCITI A NOI! L’associazione costituita nel 2023 dalla presidente Margherita Majer (musicista, fotografa e

Leggi tutto »
L'OPERALE - ASSOCIAZIONE DELL'ARTE TOTALE

VENEZIA (non) E’ UN PESCE – THE CALL

L’associazione culturale e multi artistica “L’operale–associazione dell’arte totale” progetta il primo format itinerante in Italia basato sulla riscoperta delle bellezze storico culturali di una delle città più belle al mondo. Venezia NON è mai banale. Infatti Venezia NON è semplicemente un pesce come si possa pensare dalla sua tradizione culinaria e dalla forma vista sulle

Leggi tutto »
L'OPERALE - ASSOCIAZIONE DELL'ARTE TOTALE

ESPONI CON NOI! sez. FOTOGRAFIA e ARTI VISIVE

Le iscrizioni a “L’Operale” FOTOGRAFIA e ARTI VISIVE per il 2024 sono aperte! Scopri i servizi dedicati agli associati! Diventando soci de “L’operale – associazione dell’opera d’arte totale” si entra in un universo nuovo, stimolante e in evoluzione continua. I progetti itineranti, la commistione tra le arti, le collaborazioni con enti e aziende, le attività

Leggi tutto »
Torna in alto
Torna su