Max Casacci “Head ‘n’ Groove”: come solo la musica può

Le fotografie di Rossano Ronci nella pubblicazione di Silvana Editore raccontano in maniera inedita la vita e la carriera del chitarrista dei Subsonica, Max Casacci, in un progetto monocromatico di reportage da “dietro le quinte”, un viaggio pieno di emozione e amore per la musica.

Max Casacci, fotografie di Rossano Ronci

Una sorta di dialogo silente e intimo quello tra il fotografo Rossano Ronci e Max Casacci, “regista” indiscusso dei Subsonica, il noto gruppo torinese formatosi nel 1996. Una sorta di doppia visione.

Nessun colore a disturbare la narrazione del chitarrista, nessuna esaltazione compositiva. Casacci da voce agli scatti di Ronci e alle sue emozioni senza alcun freno. I Subsonica, le relazioni, la famiglia, la sua infanzia, Torino, il palcoscenico e, naturalmente, la musica.

E la fotografia?.

“Il musicista sul palco talvolta non si rende conto della visione frontale dello spettatore e del fotografo. Noi ricordiamo solo il flash, ma ciò che c’è un attimo prima e un attimo dopo non me l’aveva mostrato nessuno come ha saputo fare Rossano Ronci“. Max Casacci

Quello dei Subsonica e di Max Casacci non è un palcoscenico qualunque. E’ lo stargate che esalta l’essenza della band in un vortice di energia. I componenti della band si lasciano riprendere in tutte le fasi della loro tournée e Rossano Ronci con la sua macchina fotografica si muove invisibile, come un cacciatore silenzioso di emotività, di ciò che non si vede.

Coglie, secondo il noto critico e curatore Denis Curti, un insieme di passioni che muovono Casacci e il suo gruppo fin nella sua più profonda intimità, in una sequenza fluida di relazioni.

Rossano Ronci, mosso dalla profonda stima e amicizia reciproca con il chitarrista, punta sull’esperienza di condivisione per realizzare dei ritratti di empatia estrema, in cui l’uomo e l’amico sono posti al centro della narrazione attraverso un leitmotiv espressivo che scandisce il ritmo delle foto e i singoli scatti richiamando, secondo Curti, il grande fotografo tedesco Erich Salomon con il suo ritratto ambientato.

Max Casacci è un vero regista, interprete calmo e saggio come uno stratega, un mediatore. Di quelli che “non fa rumore” ed è anche per questo che la visione del fotografo risulta estremamente originale. Nessuno scatto si tramuta in uno slogan di gloria o di egocentrismo ma riporta con sensibilità la visione di una band policentrica e mai scontata, vista attraverso lo sguardo fotografico del suo componente più “emblematico”.

Nei vari livelli narrativi del racconto fotografico, secondo Gabriele Ferraris, si possono individuare due filoni conduttori: uno fatta di attese, di tutte quelle fasi che precedono l’entrata in scena di tutti i componenti dei Subsonica e l’altra che mette in risalto il duro ma sempre costante lavoro di tutti i tecnici e professionisti che seguono il gruppo, un inscindibile sodalizio che non è scontato e che merita perciò di essere messo in risalto.

“Mai pensato di vivere senza musica. Mi ha permesso di intraprendere rotte che non mi sarei nemmeno immaginato”.

Max Casacci

Torino. Il punto di partenza di ogni cosa. Il luogo dove nasce l’uomo e il chitarrista, l’amore per la musica e i Subsonica. Inizia tutto a quattordici anni, l’età in cui i giovani sognatori iniziano a intravedere i loro percorsi. Strade che per Casacci passano anche attraverso numerose esperienze come con il suo diploma in arti fotografiche (nemmeno a farlo apposta) fino ad arrivare ad oggi, a quel palcoscenico, al buio e al boato che tira fuori “tutto ciò che sei”.

Casacci sembra proprio prendere spunto dagli scatti di Rossano Ronci per raccontare la sua storia e, a sua volta, il fotografo trasforma in giochi di luce i suoi pensieri. Il caotico backstage, i camerini, la foga del concerto e il dopo, quando la giornata non è ancora finita. Il calore del proprio studio di registrazione e i ricordi, Casasonica e il cinema del padre. I colleghi, i progetti e la famiglia.

E molto più. Questa accurata pubblicazione non è solamente una raccolta di fotografie, ma tutto un universo che mai era stato svelato con tale profondità. Un dono ai fans dei Subsonica e a tutti coloro che credono nella potenza della musica e nella sua capacità di renderci tutti sognatori.

Condividi l'articolo:

Vuoi essere tra i primi a ricevere i prossimi articoli?

Compila il modulo per iscriverti alla newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mostre

“Il quinto elemento”, la terra è molto più di un semplice pianeta

L’evento multisensoriale dedicato agli elementi naturali trova nella location del Forte Gazzera di Venezia Mestre il suo contesto ideale, dove le arti si incontrano per trovare il quinto elemento. In uno spazio ricco di storia e natura, il pianeta e i suoi elementi trovano l’espressione massima attraverso l’arte visiva e la musica. Fotografia, pittura e

Leggi tutto »
ARTI VISIVE

Tobia Ravà. Come i numeri e le parole diventano “frammenti di luce”.

L’artista padovano di origini veneziane Tobia Ravà espone le sue opere presso il centro culturale De André a Marcon (VE) e trasforma la realtà in una dimensione surreale. Matematica, filosofia e sacralità trovano nell’arte di Tobia Ravà una nuova dimensione sconvolgente. Il grande artista “dei numeri”, dopo oltre quarant’anni di mostre internazionali e premi, porta

Leggi tutto »
I NOSTRI SOCI

I NOSTRI SOCI – Fotografia & Arti Visive

I soci dell’associazione “L’operale” si presentano, mettendo in mostra le loro opere ad espressione dell’amore per l’arte totale che li contraddistingue. Noi #facciamounoperale ELENCO SOCI F&AV 2024-2025 (in ordine alfabetico) ALBANESE NICOLETTA – BRESIN LUCA – CHINELLATO MATTEO – MAJER MARGHERITA – MARTINI PAOLO – NORDIO ROBERTO – VONGOLA ALISA BRESIN LUCA – fotografia Sono

Leggi tutto »
L'OPERALE - ASSOCIAZIONE DELL'ARTE TOTALE

CHI SIAMO e perché #FACCIAMOUNOPERALE? Scopriamolo insieme!.

Prende il via la campagna associativa per l’anno 2024 de “L’operale – opera d’arte totale” che vuole promuovere e dar spazio agli artisti di qualunque stile, espressione artistica o formazione, insieme per riconoscere il talento e la creatività. #FACCIAMOUNOPERALE ISCRIVITI E UNISCITI A NOI! L’associazione costituita nel 2023 dalla presidente Margherita Majer (musicista, fotografa e

Leggi tutto »
L'OPERALE - ASSOCIAZIONE DELL'ARTE TOTALE

VENEZIA (non) E’ UN PESCE – THE CALL

L’associazione culturale e multi artistica “L’operale–associazione dell’arte totale” progetta il primo format itinerante in Italia basato sulla riscoperta delle bellezze storico culturali di una delle città più belle al mondo. Venezia NON è mai banale. Infatti Venezia NON è semplicemente un pesce come si possa pensare dalla sua tradizione culinaria e dalla forma vista sulle

Leggi tutto »
L'OPERALE - ASSOCIAZIONE DELL'ARTE TOTALE

ESPONI CON NOI! sez. FOTOGRAFIA e ARTI VISIVE

Le iscrizioni a “L’Operale” FOTOGRAFIA e ARTI VISIVE per il 2024 sono aperte! Scopri i servizi dedicati agli associati! Diventando soci de “L’operale – associazione dell’opera d’arte totale” si entra in un universo nuovo, stimolante e in evoluzione continua. I progetti itineranti, la commistione tra le arti, le collaborazioni con enti e aziende, le attività

Leggi tutto »
Torna in alto
Torna su