“Non c’è battito”, la mostra fotografica che parla al cuore e all’anima delle donne

Dal 12 al 27 novembre 2022, Villa Farsetti di Santa Maria di Sala (VE) ha ospitato l’opera composta a due mani da Michele Gregolin e Stefania Vilardo, insieme per raccontare artisticamente la maternità sotto la luce di uno dei più drammatici e delicati risvolti: la gravidanza interrotta.

“Stanotte ho saputo che c’eri: una goccia di vita scappata dal nulla. Me ne stavo con gli occhi spalancati nel buio e d’un tratto, in quel buio, s’è acceso un lampo di certezza: sì, c’eri. Esistevi. Mi si è fermato il cuore»

Lettera ad un bambino mai nato – Oriana Fallaci

Se si potesse scegliere. Scegliere se venire al mondo oppure, da donna, scegliere che quell’idea d’amore diventi vita oppure no. Sembra banale eppure è forse una delle speranze più forti di coloro che che vogliono avere un figlio: quella di avere la certezza assoluta che nascerà.

La riflessione del noto romanzo è solo uno degli esempi di quanto intensamente il tema della maternità sia sempre stato affrontato nel corso della storia da ogni genere di autore, artista e grande pensatore. E’ inevitabile, ancestrale, naturale, vitale. L’opera fotografica Non c’è battito di Michele Gregolin e Stefania Vilardo ha voluto però affrontare uno degli aspetti più delicati della tematica, quello che viene talvolta trascurato, esclusivamente perché colpisce tra il 10 e il 20% delle donne in gravidanza: l’aborto spontaneo.

Ogni donna ha la sua unica e autentica storia“, così scrivono gli autori. Ecco che è proprio la donna la protagonista di questa serie di scatti fotografici. “Il sogno di avere un figlio inizia dai primi momenti di attesa e dalla proiezione di una nuova dimensione familiare per poi proseguire con la consapevolezza di essere incinta. Ogni emozione si infrange come un onda in tempesta di fronte all’irrimediabile perdita“.

Nelle fotografie dei due autori si percepisce da subito la carica emotiva che ha stimolato il messaggio trasmesso. Scatti monocromatici caricati di profondi neri e pochissima luce, eseguiti digitalmente ma stampati in camera oscura, per una resa maggiormente intensa. Da un lato, c’è l’intimità con cui la donna raffigurata vive la gioia e il sogno leggero della gravidanza, iniziando a renderlo concreto con carezze e oggetti. Dall’altro, l’improvvisa precipitazione dello stato emotivo, che passa da un’estrema felicità al sentimento del lutto. Figure di profilo che nascondono l’emotività, gesti inconfondibili, profondi silenzi, perché è proprio in questi ultimi che si vivono le emozioni più estreme. E due elementi: il cuore e la piuma. In un’essenziale simbologia, i fotografi hanno voluto raffigurare il simbolo del sentimento materno e l’anima di quel bambino che, tristemente, non nascerà.

Non c’è battito è una mostra che tocca nel profondo tutti noi. Uomini o donne, madri o no, ci ha fatto sentire tutti uniti in una solidale gioia di essere almeno figli e di essere vivi, amati.

Condividi l'articolo:

Vuoi essere tra i primi a ricevere i prossimi articoli?

Compila il modulo per iscriverti alla newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mostre

“Il quinto elemento”, la terra è molto più di un semplice pianeta

L’evento multisensoriale dedicato agli elementi naturali trova nella location del Forte Gazzera di Venezia Mestre il suo contesto ideale, dove le arti si incontrano per trovare il quinto elemento. In uno spazio ricco di storia e natura, il pianeta e i suoi elementi trovano l’espressione massima attraverso l’arte visiva e la musica. Fotografia, pittura e

Leggi tutto »
ARTI VISIVE

Tobia Ravà. Come i numeri e le parole diventano “frammenti di luce”.

L’artista padovano di origini veneziane Tobia Ravà espone le sue opere presso il centro culturale De André a Marcon (VE) e trasforma la realtà in una dimensione surreale. Matematica, filosofia e sacralità trovano nell’arte di Tobia Ravà una nuova dimensione sconvolgente. Il grande artista “dei numeri”, dopo oltre quarant’anni di mostre internazionali e premi, porta

Leggi tutto »
I NOSTRI SOCI

I NOSTRI SOCI – Fotografia & Arti Visive

I soci dell’associazione “L’operale” si presentano, mettendo in mostra le loro opere ad espressione dell’amore per l’arte totale che li contraddistingue. Noi #facciamounoperale ELENCO SOCI F&AV 2024-2025 (in ordine alfabetico) ALBANESE NICOLETTA – BRESIN LUCA – CHINELLATO MATTEO – MAJER MARGHERITA – MARTINI PAOLO – NORDIO ROBERTO – VONGOLA ALISA BRESIN LUCA – fotografia Sono

Leggi tutto »
L'OPERALE - ASSOCIAZIONE DELL'ARTE TOTALE

CHI SIAMO e perché #FACCIAMOUNOPERALE? Scopriamolo insieme!.

Prende il via la campagna associativa per l’anno 2024 de “L’operale – opera d’arte totale” che vuole promuovere e dar spazio agli artisti di qualunque stile, espressione artistica o formazione, insieme per riconoscere il talento e la creatività. #FACCIAMOUNOPERALE ISCRIVITI E UNISCITI A NOI! L’associazione costituita nel 2023 dalla presidente Margherita Majer (musicista, fotografa e

Leggi tutto »
L'OPERALE - ASSOCIAZIONE DELL'ARTE TOTALE

VENEZIA (non) E’ UN PESCE – THE CALL

L’associazione culturale e multi artistica “L’operale–associazione dell’arte totale” progetta il primo format itinerante in Italia basato sulla riscoperta delle bellezze storico culturali di una delle città più belle al mondo. Venezia NON è mai banale. Infatti Venezia NON è semplicemente un pesce come si possa pensare dalla sua tradizione culinaria e dalla forma vista sulle

Leggi tutto »
L'OPERALE - ASSOCIAZIONE DELL'ARTE TOTALE

ESPONI CON NOI! sez. FOTOGRAFIA e ARTI VISIVE

Le iscrizioni a “L’Operale” FOTOGRAFIA e ARTI VISIVE per il 2024 sono aperte! Scopri i servizi dedicati agli associati! Diventando soci de “L’operale – associazione dell’opera d’arte totale” si entra in un universo nuovo, stimolante e in evoluzione continua. I progetti itineranti, la commistione tra le arti, le collaborazioni con enti e aziende, le attività

Leggi tutto »
Torna in alto
Torna su